AIEE
AIEE AIEE
 



Tra i progetti che la Fondazione intende perseguire si possono indicare i seguenti:


·         una serie di progetti di sensibilizzazione dell'opinione pubblica sul tema dell'energia;
·         studi sugli usi finali dell'energia;
·         studi di carattere macro economico sull'assetto e sullo sviluppo del settore energetico in Italia;
·         corsi di formazione nel settore energetico-ambientale rivolti alle Regioni ed ad altre Amministrazioni
        pubbliche;

·         sviluppo di ricerche in campo universitario su temi inerenti le fonti primarie e secondarie e sul loro
        impatto economico-ambientale
CONVEGNI
26/01/2006 L’inaugurazione della Fondazione Energia
Roma, Chiostro del Bramante
09/02/2006 Le prospettive per l'Italia di una opzione nucleare Roma, Sala Biblioteca CNEL
28/06/2006 La ricerca del consenso nel settore energetico per arrivare a scelte condivise
Roma, Sala Biblioteca CNEL
25/09/2006 Emergenza gas: quali interventi
Milano, Sala Assemblee Banca Intesa
14/12/2006 Il Piano Nazionale di Assegnazione 2008-2012 sulle quote di emissione: analisi e verifiche”
Roma, Sala Conferenza BNL

18/04/2007 Il mercato del gas naturale in Italia: prospettive della domanda e criticità dell’offerta”
Milano, Fondazione Eni Enrico Mattei
05/03/2008 Scenari europei del gas e ruolo dell’Italia
Milano, FAST Sala Morandi
04/06/2008 Premiazione "Uomo dell'anno" 2007
Roma, Casa del Jazz
28/10/2008 Più ricerca e più innovazione per l'energia
Roma, Sala Conferenze B.N.L.
07/04/2009 Gli strumenti per promuovere la diffusione delle fonti rinnovabili di energia in Iitalia
Roma, Sala Conferenze GSE.
09/02/2010 Energia ed ambiente: una strategia post crisi. Assegnazione "Premio uomo dell'anno 2009" e Premio "Energia Sostenibile"
Roma, Centro Studi Americani.
21/04/2010 La produzione termica da fonti rinnovabili per il raggiungimento del target 2020
Roma, Centro Studi Americani.
15/02/2011 Una politica energetica sostenibile: le opzioni in gioco. Assegnazione "Premio uomo dell'anno" e Premio "Energia Sostenibile" 2010
Roma, Centro Studi Americani.
15/02/2012 Le liberalizzazioni e l'energia. Assegnazione "Premio uomo dell'anno" e Premio "Energia Sostenibile" 2011
Roma, Centro Studi Americani.
19/02/2013 Il ruolo strategico delle reti gas ed elettricità. Assegnazione "Premio uomo dell'anno" e Premio "Energia Sostenibile" 2012
Roma, Centro Studi Americani.
STUDI  
SCENARI DI EVOLUZIONE DEL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO NEL MEDIO LUNGO TERMINE: IMPATTO DI NUOVE TECNOLOGIE SULLA DOMANDA ELETTRICA DI BASE E DI PUNTA E PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI OFFERTA
(2010)
Ricerca che la Fondazione Energia ha realizzato per Assoelettrica - condotta in collaborazione con ERSE per l’aggiornamento delle previsioni dei parametri principali delle tecnologie elettriche – mirata ad esplorare le prospettive di sviluppo di medio-lungo termine del sistema elettrico italiano, dando un riferimento agli operatori per le valutazioni degli investimenti, delle strategie e delle possibili azioni di lobbying tese al miglioramento del sistema. La tecnica che utilizzata è stata quella dell’analisi mediante scenari, condotta con il modello Markal-Times, in cui diversi scenari evolutivi caratterizzati da azioni di indirizzo e/o ipotesi di penetrazione di nuove tecnologie si confrontano (e vengono valutati per differenza) con uno scenario di riferimento condiviso, che tenga conto dei cambiamenti di struttura che il sistema elettrico potrà subirà, lato domanda e lato offerta, (con ripercussioni anche sui carichi di punta) per effetto delle policy già in atto, nonchè per il possibile ingresso di nuove tecnologie e per l’evoluzione generale dei mercati energetici globali.

ANALISI DI MERCATO E DI SCENARIO PER LE TECNOLOGIE DI SFRUTTAMENTO DELL’ENERGIA SOLARE E GEOTERMICA

(2009)
La ricerca predisposta dalla Fondazione Energia per ENEL con l’obiettivo di analizzare le possibili criticità di esercizio del sistema elettrico italiano dovute al massiccio sviluppo di impianti a fonti rinnovabili di tipo intermittente (es. eolici, fotovoltaici, ecc.) trainato dai vigenti meccanismi incentivanti, nel quadro degli obiettivi di politica energetica ed ambientale comunitaria. E' stato studiato il massimo livello di penetrazione degli impianti a fonti rinnovabili intermittenti accettabile dal sistema elettrico italiano nell’orizzonte del 2030. Con la tecnica dell’analisi mediante scenari - condotta con il modello Markal-Times – è stato definito tale potenziale in uno scenario di riferimento condiviso, che ha tenuto conto dei cambiamenti di struttura che il sistema elettrico potrà subire, lato domanda e lato offerta, per effetto delle policy in atto, nonchè ’per il possibile ingresso di nuove tecnologie e per l’evoluzione generale dei mercati energetici. E' stata effettuata una analisi di “technology assessment” relativa ai sistemi di accumulo dell’energia che possano mitigare l’impatto delle fonti rinnovabili intermittenti sul sistema elettrico: dopo aver analizzato le principali tecnologie di accumulo (CAES, batterie, supercondensatori/magneti superconduttori, etc.) individuandone i parametri tecnici ed economici e delineandole l’evoluzione nell’orizzonte temporale in esame, saranno costruiti col modello MARKAL-TIMES degli “scenari alternativi di sistema” che prevedano appunto la diffusione di tali tecnologie. E' stato valutato da un lato il potenziale impatto delle tecnologie di accumulo sulla capacità del sistema di accettare impianti a fonti rinnovabili intermittenti; è stato delineato un potenziale mercato per le tecnologie di accumulo, ed è stata cifrata la penetrazione nel sistema con un’analisi costi/benefici.

EVOLUZIONE DELLA DOMANDA E DELL’OFFERTA GAS: ANALISI DELLE CRITICITÀ

(2007).

Per aggiornare sugli sviluppi della situazione del gas nel nostro Paese, verificando nel contempo il quadro della domanda e dell’offerta previsto per i prossimi anni ed analizzare le soluzioni che consentiranno al Paese l’effettiva liberalizzazione e competitività in questo settore, l’AIEE e la Fondazione Energia hanno svolto un aggiornamento dello studio sul settore del gas. Infatti, a causa della stagione invernale particolarmente mite, il 2006 si è chiuso in Italia con una leggera flessione della domanda di gas naturale.
Ma l’emergenza gas, dovuta ad un sistema di approvvigionamento e stoccaggio insufficiente soprattutto a fronte di punte straordinarie di domanda (di cui abbiamo avuto un assaggio nell’inverno precedente), non è scongiurata perché nel frattempo non sono state realizzate le auspicate nuove infrastrutture, mentre il consumo di gas – soprattutto nel settore termoelettrico – continua ad aumentare.

PROGETTO SCOSSE - SCenari Operativi e Strutturali del Sistema Elettrico Studio dell’evoluzione del sistema elettrico italiano in diversi scenari economico-energetici nel breve e nel medio termine. Analisi con un modello MARKAL-TIMES multiregionale.
(2007)
Lo studio realizzato dalla Fondazione Energia si pone l'obiettivo di delineare una serie di scenari attinenti il settore energetico ed in particolare il settore elettrico in Italia al fine di verificare situazioni e criticità in prospettiva, in base ad una serie di parametri di riferimento di tipo economico, tecnologico ed ambientale. La ricerca ha anche lo scopo di meglio evidenziare le condizioni di contorno entro le quali, si potrà sviluppare il sistema elettrico nazionale ed in particolare lo sviluppo dalle fonti rinnovabili. Sono state studiate anche ipotesi di sviluppo della generazione distribuita nel territorio e della microgenerazione con il loro conseguente impatto sul sistema elettrico nazionale. La ricerca si è basata sull'utilizzo di un modello multifunzionale della famiglia MARKAL TIMES in grado di generare, sulla base di dati già inseriti sulla domanda ed offerta elettrica in Italia con un orizzonte 2030, una serie di scenari evolutivi. In particolare la ricerca ha formulato, oltre ad un caso base, oltre 9 scenari diversi da questo con la simulazione del sistema energetico (ed elettrico in particolare) in diverse ipotesi tra le quali: i prezzi delle fonti di energia; la crescita delle emissioni di CO2 e costo dei certificati relativi ; l’evoluzione delle diverse fonti rinnovabili, in particolare per la generazione elettrica (conto energia); introduzione di impianti nucleari e relativo impatto sul parco elettrico e sul controllo delle emissioni di CO2.
Ogni simulazione ha fornito una serie di dati e di valutazioni che sono state commentate, così da fornire un esauriente e voluminoso dossier sulle previsioni di sviluppo del settore elettrico in Italia.

IMPATTO DEL PNA 2008-2012 SUL PREZZO DI MERCATO DELL’ENERGIA ELETTRICA - ANALISI CON UN MODELLO MARKAL-TIMES

(2006).

Lo studio realizzato dalla Fondazione Energia si pone l’obiettivo di valutare se ci saranno maggiori costi derivanti dal meccanismo di allocazione dei permessi di emissione e sopratutto se ci sia il rischio che tali costi vengano trasferiti ai consumatori elettrici. Con l’ausilio di un modello economico della famiglia Markal-Times in grado di generare diversi scenari in funzione di parametri assegnati, lo studio ha messo a confronto, sia in termini di costo che di riduzione delle emissioni, diverse soluzioni derivanti dall’applicazione del Pna, elaborate in funzione del metodo seguito per la distribuzione delle quote di emissione, il cui approccio, va ricordato, è lasciato alla piena autonomia dei singoli Governi. In particolare si è voluto confrontare il metodo seguito nell’elaborazione dello schema del Pna 2008-2012, con riguardo al settore termoelettrico, di tre benchmark differenziati per combustibile con la possibilità di adottare un benchmark unico per tutti gli impianti termoelettrici

EMERGENZA GAS: QUALI INTERVENTI

(2006)
Dopo l’emergenza gas dell’inverno 2005-2006, l’AIEE, insieme con la Fondazione Energia, con l’avvicinarsi di un nuovo inverno, ha svolto una analisi con lo scopo di indagare le misure in atto in Italia e nel mondo per gestire l'emergenza gas; i meccanismi di funzionamento del mercato del gas in Italia e nel Mondo; i criteri tariffari che regolano oggi le attività nella filiera del gas; i nuovi provvedimenti riguardo lo stoccaggio; gli aspetti innovativi del servizio di trasporto; le nuove strategie commerciali per operare nell'attuale mercato del Gas.

LA RICERCA DEL CONSENSO PER REALIZZARE NUOVE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE: ANALISI E FORME D’INTERVENTO
(2006)
Lo studio svolto dall’AIEE, con l’appoggio della Fondazione Energia, ha voluto fornire, al tema della ricerca del consenso, un contributo di idee e di soluzioni, con lo scopo di dimostrare che è possibile costruire una accettabilità locale per nuove infrastrutture, adottando nuovi modi di approccio. Lo studio propone una metodologia di approccio al consenso più innovativa di quelle tradizionali ed un cambiamento di paradigma, che richieda da parte di tutti, ma in primo luogo da parte del proponente, una cultura nuova, necessaria nel nostro Paese per arrivare a scelte energetiche condivise.

INDAGINE SUGLI USI FINALI DELL’ENERGIA NEL SETTORE TERZIARIO IN ITALIA
(2006).
Lo studio svolto dal Cesi Ricerca e Fondazione Energia si pone l’obiettivo di superare le lacune conoscitive sugli usi finali del terziario. Infatti il settore terziario si è distinto negli ultimi anni per una crescita dei consumi elettrici superiore alla media, candidando tale comparto come il motore principale della futura domanda elettrica. Tuttavia, all’importanza crescente del settore non corrisponde ancora una conoscenza adeguata delle modalità con le quali viene utilizzata l’energia. Par questo Cesi Ricerca e Fondazione Energia e Aiee, hanno condotto, nell’ambito della Ricerca di Sistema per il settore elettrico, un’indagine dettagliata sugli usi energetici finali (elettrici e termici) del terziario, intervistando direttamente gli energy manager di un insieme selezionato di utilizzatori del settore.